Statuto

 

Associazione

1. Costituzione e sede 

È costituita l’Associazione culturale denominata “Italian Quality Music Festivals” con sede in Bologna, in Via Marconi 28.

2. Carattere dell’Associazione 

L’Associazione è indipendente, aperta ed inclusiva, non ha scopo di lucro e amministra e determina i suoi programmi e le sue iniziative in completa autonomia. 
L’Associazione potrà partecipare quale socio ad altre associazioni e/o circoli italiani e di altri Paesi aventi scopi analoghi nonché partecipare ad Enti con scopi sociali ed umanitari.

3. Durata dell’Associazione 

L’Associazione ha durata di anni 50 (cinquanta) e potrà essere prorogata con deliberazione dell’assemblea.

4. Scopi dell’Associazione 

Scopi dell’Associazione sono il consolidamento e lo sviluppo dell’industria italiana dei festival musicali di qualità come descritti nel regolamento associativo. 
A tal fine l’Associazione si propone di elaborare, sviluppare e gestire produzioni di natura culturale, attività e campagne di comunicazione, corsi ed incontri di formazione professionale, progetti di innovazione tecnologica.

Inoltre l’Associazione si propone di offrire ai propri soci una serie di attività atte al soddisfacimento di esigenze di conoscenza, di approfondimento, di aggiornamento edattività di formazione e qualificazione culturale e professionale. 
Nello specifico, intende coordinare, organizzare, e realizzare il proprio progetto associativo con lo scopo di valorizzare e qualificare l’attività culturale e di studio dei soci dell’Associazione, di dare loro risalto pubblico e collettivo, di coordinarne l’attività ai fini di un migliore riconoscimento regionale, nazionale e internazionale, non sostituendosi in alcun modo all’autonomia di ciascun soggetto associato, bensì rafforzandone la possibilità d’interlocuzione e intervenendo come soggetto regolatore e suasorio nei rapporti tra i vari associati. 

L’Associazione potrà quindi proporsi come laboratorio in grado di stimolare nuovi spazi di riflessione avanzata, mettendo in relazione le risorse istituzionali e private esistenti, realizzando nuove iniziative, in qualsiasi e con qualsiasi mezzo espressivo, dirette a migliorare la visibilità, la qualità e il valore formativo dei progetti culturali degli associati. 

Per raggiungere i suoi obbiettivi l’Associazione potrà promuovere - anche in collaborazione con privati cittadini, gruppi, Enti ed organizzazioni pubbliche o private - ulteriori iniziative di studio e di sperimentazione aventi per oggetto temi di carattere artistico, educativo e culturale appartenenti alla sua sfera di azione. L’Associazione sarà aperta alla partecipazione a progetti, movimenti, laboratori creativi ed ideativi operando nell’ambito di reti ed iniziative da essa avviate, o già esistenti, in Europa e nel Mondo. 
Potrà svolgere manifestazioni, convegni, dibattiti, mostre, seminari e ricerche, e potrà organizzare gruppi di lavoro su tematiche artistiche, formative, educative e culturali in genere, in Italia e nel Mondo. Potrà quindi stipulare accordi con Enti Pubblici e Privati, per la gestione di rassegne, eventi e seminari e/o per la fornitura di servizi inerenti ai propri scopi sociali. 
Potrà ideare, realizzare, editare e distribuire pubblicazioni a stampa, audiovisivi e simili; prodotti audiovisivi; CD audio, CD Rom e DVD, siti internet; iniziative volte a favorire il dibattito sui temi citati nella dichiarazione di intenti sia sulla carta stampata che sul WEB e su tutti i supporti che i Media potranno utilizzare in futuro. 
Inoltre l’Associazione potrà svolgere qualunque altro tipo di attività purché volta al conseguimento delle finalità sociali. 
Per il raggiungimento degli scopi enunciati l’Associazione si potrà avvalere delle prestazioni personali dei soci ma potrà altresì avvalersi di collaborazioni esterne e prestazioni di lavoro autonomo.

SOCI

5. Requisiti dei soci 

Possono essere soci dell’Associazione persone giuridiche, italiane e straniere, che realizzino manifestazioni della tipologia descritta nel regolamento e che condividono le finalità di cui al precedente capitolo 4.

6. Ammissioni 

Per essere ammessi a far parte dell’Associazione gli aspiranti debbono accettare il presente statuto (ed annesso regolamento) ed uniformarsi alle sue clausole nonché alle prescrizioni del regolamento interno dell’Associazione. 

L’acquisto di qualità di socio è subordinata al consenso unanime del Consiglio direttivo, al quale l’aspirante socio deve inoltrare domanda. In caso di contestazione, l’aspirante socio può appellarsi all’assemblea nell’intento di ottenere il consenso di almeno due terzi degli aventi diritto al voto. Questa procedura viene riconosciuta valida ed alternativa dal Consiglio Direttivo. 

Il socio che non osservi lo statuto, il regolamento interno, le disposizioni del Consiglio direttivo o, comunque si renda responsabile di azioni che possano portare nocumento all’Associazione, può essere espulso.

7. Rapporto sociale 

Il rapporto sociale si estingue: 

a) per l’estinzione del socio; 
b) per le dimissioni del socio; 
c) per l’espulsione e/o la radiazione del socio.

I soci dimissionari, espulsi e/o radiati non avranno diritto al rimborso delle quote sociali e di quant’altro da loro versato. 

I soci hanno diritto di partecipare alla vita dell’Associazione mediante il voto espresso in Assemblea.

8. Assemblea

L’Assemblea generale dei soci è convocata in seduta ordinaria almeno una volta l’anno e può essere convocata in seduta straordinaria su richiesta motivata di almeno un terzo dei soci. L’Assemblea è convocata dal Presidente del Consiglio direttivo mediante posta elettronica certificata inviata ai soci, contenente l’ordine del giorno, almeno quindici giorni prima della data dell’adunanza. Hanno diritto ad intervenire all’Assemblea i soci in regola con il pagamento delle quote associative. È ammessa la rappresentanza a mezzo delega conferita ad altro socio. Ogni socio non può avere più di una delega. L’Assemblea generale in seduta ordinaria delibera su bilancio annuale, consuntivo e preventivo, su indirizzi e direttive generali dell’Associazione, elegge i membri del consiglio direttivo, decide sulla espulsione e sulla radiazione dei soci. L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto; sulla proroga e sullo scioglimento anticipato dell’Associazione e su tutto quant’altro per legge ad essa riservato. Le deliberazioni dell’assemblea dell’Associazione sono valide qualunque sia il numero dei soci presenti. L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta dei voti presenti di persona o a mezzo delega. Per le deliberazioni relative alla radiazione dei soci, alle modificazioni dello statuto, allo scioglimento dell’Associazione è necessaria la presenza di almeno un terzo dei soci. Delle riunioni dell’assemblea si redigerà processo verbale.

9. Amministrazione

L’Associazione è amministrata da un Consiglio direttivo composto da un minimo di tre ad un massimo di sette soci eletti dall’Assemblea. 

Il Consiglio direttivo: 

a) approva i programmi dell’attività dell’Associazione; 
b) predispone e sottopone all’Assemblea la relazione sull’attività svolta e i bilanci annuali preventivo e consuntivo; 
c) elegge tra i suoi membri il Presidente dell’Associazione;
d) può eleggere tra i suoi membri un Vice Presidente che sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento e un Vice Presidente con compiti di tesoriere; 
e) determina gli importi delle quote associative. 

Per la validità delle deliberazioni del Consiglio Direttivo è necessaria la presenza della maggioranza dei suoi membri e le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei voti espressi. In caso di parità è necessaria una nuova convocazione dello stesso Consiglio. Il Presidente eletto dal Consiglio Direttivo rappresenta l’Associazione sia in giudizio che nei rapporti con le Pubbliche Autorità e con i terzi. Ha inoltre il potere di apertura, gestione e firma su conti correnti e depositi bancari dell’Associazione, di delega per procura su questi atti ai Vicepresidenti o persone di propria fiducia, sotto la sua responsabilità. Il Presidente ha inoltre il compito di convocare l’Assemblea generale, convocare e presiedere il Consiglio Direttivo; ha altresì il compito di firmare tutti gli atti relativi all’attività dell’Associazione. Il Presidente può delegare il potere di firma ad altro componente del Consiglio Direttivo. Il Presidente, i Vice Presidenti se eletti, e gli eventuali altri Membri del Consiglio Direttivo durano in carica due anni e sono rieleggibili. Qualora nel corso del mandato uno o più dei membri del Consiglio Direttivo dovessero recedere, gli altri provvederanno alla loro sostituzione.

10. Patrimonio, mezzi finanziari, esercizi sociali, bilanci

Il patrimonio dell’Associazione è costituito: 

a) dai beni mobili ed immobili che diverranno proprietà dell’Associazione; 
b) da eventuali fondi di riserva costituiti con eccedenze di bilancio; 
c) da eventuali donazioni, erogazioni e lasciti. 

Le entrate dell’Associazione sono costituite: 

a) dalle quote sociali; 
b) da ogni entrata che concorra ad incrementare l’attività sociale; 
c) da eventuali contributi di soci, privati o Enti sia pubblici che privati. 

L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ogni esercizio verranno predisposti dal Consiglio Direttivo il Bilancio consuntivo e quello preventivo del nuovo esercizio. Detti bilanci dovranno essere sottoposti all’Assemblea per l’approvazione entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

11. Scioglimento

L’Assemblea dei soci in seduta straordinaria delibera lo scioglimento dell’Associazione; nomina uno o più liquidatori e delibera in ordine alla liquidazione del patrimonio. 

12. Disposizione di rinvio

Per quanto altro non previsto dal presente Statuto, si applicano le disposizioni di legge che regolano la materia.